HomeDr. Giovanni Chetta
Approfondimenti
Ricerca avanzata - Mappa sito

Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the NetAderiamo ai
principi HONcode
per l'informazione
medica - verifica


Stretching P.N.F. (FNP) o isometrico eccentrico

P.N.F. deriva dalle parole inglesi “Proprioceptive Neuromuscolar Facilitation” che in italiano significa “Facilitazione Neuromuscolare Propriocettiva (F.N.P.)”. Tale metodo fu elaborato dal neurofisiologo americano Herman Kabat alla fine degli anni '40 come rieducazione neuromuscolare. Tale tecnica viene anche definita coi termini Contract Relax (CR) e Post-Isometric Relaxation (PIR).

La propriocezione comprende i segnali che hanno per origine i recettori sensoriali inclusi nei muscoli, fascia connettivale, tendini, legamenti e capsule articolari (propriocettori). Da notare che la neurologia ha dimostrato che nell'uomo la propriocezione domina l'apparato vestibolare riguardo l'equilibrio, al contrario di quanto succede negli altri mammiferi. Da ciò si può dedurre l'importanza delle tecniche di rieducazione propriocettiva.

L'allungamento muscolare in questo sistema di stretching è isometrico eccentrico ed è diviso in 4 fasi:

  1. Si raggiunge il massimo allungamento del muscolo, o meglio del gruppo muscolare (miofasciale), in modo graduale e lento.
  2. Si esegue una contrazione isometrica del gruppo muscolare per circa 15-20 secondi (ossia mantenendo sempre la posizione di massimo allungamento). Ciò consente, tramite l'attivazione degli organi muscolo-tendinei del Golgi (riflesso spinale miotatico inverso), un successivo ulteriore rilassamento e quindi allungamento del gruppo muscolare coinvolto.
  3. Si rilassa il gruppo muscolare per circa 5 secondi.
  4. Si allunga nuovamente il gruppo muscolare per almeno 30 secondi.
L’intero procedimento è da ripetere, in genere, per due volte.

Lo stretching PNF viene molto usato nella terapia di riabilitazione (rieducazione motoria) ma arricchisce, migliorandone notevolmente l'efficacia, anche gli esercizi di stretching classico (distrettuale) e globale attivo. La tecnica PNF viene anche utilizzata in combinazione alla tecnica della contrazione degli agonisti Agonist Contract - AC costiuendo così la tecnica CRAC (Contract Relax Antagonist Contract). Queste due tecniche costituiscono a loro volta le basi della techica Active Isolated Stretching - AIS di Aaron Mattes).
Data l'incisività della tecnica, è bene apprendere lo stretching PNF da un istruttore qualificato prima di procedere a utilizzarlo da soli.

Articoli relativi:

Ricerca avanzata - Mappa sito
Newsletter
Guestbook Su

Pagina aggiornata il 03/06/2014
TIBodywork Institute srl - Dr. Giovanni Chetta - AssoTIB - www.giovannichetta.it - info@giovannichetta.it
20862 Arcore (Monza e Brianza) - via Casati 201, Italy, tel +39 0396014575
Disclaimer e copyright